— Monkey Business: companies are communities

Monkey per Berto Salotti. Strategia #percheberto (video 1-7).

#percheberto by monkey business milano

Sul blog personale, Massimo ha già parlato del “fare il marketing con le mani”, ecco, questo è un ottimo esempio.

Per Berto Salotti, l’idea di fondo era:

dare visibilità ai molti motivi che i prodotti Berto hanno per essere scelti, motivi che ruotano tutti intorno a un’idea di lavoro molto precisa: quella artigianale.

Il tutto è nato da una parolina chiave, uno slogan si sarebbe detto un po’ di anni fa, mentre ora Twitter ci ha insegnato a chiamarlo hashtag: #percheberto.

In #percheberto è racchiuso un mondo di valori che parla di gente che lavora con le mani, di anziani maestri tappezzieri, di laboratori.

Siamo andati a realizzare circa 30 brevi video, ognuno dei quali racconta un aspetto del #percheberto.

La narrazione all’interno dei video non è mai lasciata a speaker o altre figure esterne all’azienda, ma è sempre raccontata in prima persona dai protagonisti, coloro che fanno le cose: le stesse persone che trovate nei laboratori e nei punti vendita.

L’autenticità è alla base della credibilità.

#percheberto racconta ogni volta un aspetto, una cosa.

A volte è una tecnica di lavorazione, a volte una funzionalità del prodotto, a volte una pillola informativa: tutte le volte è un motivo per scegliere un prodotto.

Un motivo vero, reale, spiegato con cura da chi conosce il proprio prodotto.

Può sembrare poco, forse, ma spesso la comunicazione si dimentica di dire una cosa precisa.

Ecco: la strategia #percheberto mette le basi perché Berto Salotti possa dire ogni volta una cosa precisa, in relazione a una decisione d’acquisto.

I video sono tanti, circa una trentina, ma #percheberto non è solo video: i canali “social” dell’azienda, il sito istituzionale, il blog, le azioni di email marketing veicolano tutti il messaggio #percheberto, declinandolo volta per volta rispetto al tema trattato.

Riportiamo qui i primi 7 video realizzati. Ogni video dura circa 30″. [UPDATE – Nel video qui sotto sono contenute tutte le 23 videopillole]

0 comments
Submit comment